VACCINAZIONI-VACCINIAUTISMO

Ovviamente no, ma quelli di AutismoVaccini dovevano avere un disperato bisogno di risalire la china estiva, se hanno dovuto tirare in ballo tale Tetyana Obukhanych, una “signora Nessuno” alla quale appioppare la “santità” dell’antivaccinismo.

Ci troviamo di fronte a una lettera colma di menzogne, dati omessi, premesse fallaci; il tutto condito da un furbissimo spottone per l’autrice. Pubblicata in origine su un sito antivaccinista, Questa “lettera aperta” dovrebbe essere, almeno negli intenti, chiarificatrice di “alcuni preconcetti diffusi in merito ai vaccini, al fine di aiutare a formulare una comprensione corretta ed equilibrata delle conoscenze scientifiche”. A dare il “la” alla donna è la paura dell’approvazione del Senate Bill 277, una legge che rimuoverebbe qualunque forma di esenzione dalla vaccinazione, eccetto quelle per motivi medici. La legge è passata, come racconta la cronaca americana, dunque la lettera è materiale vecchio. A testimonianza del “vecchiume” della lettera, la bellissima sbufalata di SkepticalRaptor esce il 3 giugno 2015. Un mese e ventuno giorni prima il pezzo di AutismoVaccini, insomma.

La dottoressa Tetyana Obukhanych ha davvero un Ph.D in Immunologia conseguito alla Rockefeller University. Al momento non è confermato il ruolo rivestito in questo momento, ma sappiamo che non è più presente a Stanford . Ha pubblicato la “bellezza” di otto articoli e nessuno di essi ha avuto a che fare con i vaccini, almeno non in maniera direttaQuanto al libro Vaccine Illusion, esso è stato pubblicato in self publishing evitando dunque il peer-review della comunità scientifica. Un po’ come accade con un altro presunto “libro-verità”, il China Study.

Possedere una laurea non è garanzia di autorevolezza e credibilità a priori – lo potete vedere anche nel nostro archivio, alla luce di quanti “dottori” si lascino andare alle pseudoscienze. Ci vogliono prove concrete.

Non starò qui ad analizzare tutta la lettera, ma soltanto i sei punti cardine, smontati i quali la disinformazione non ha ragione di essere presa in considerazione. Le risposte sono tratte dall’originale inglese di SkepticalRaptor, di cui faccio un sunto veloce e alla quale vi rimando per una visione più completa.

1 – IPV [vaccino antipolio inattivato] non può impedire la trasmissione del poliovirus. Il poliovirus selvaggio è inesistente negli Stati Uniti da almeno due decenni.

Non è vero: la Svezia è riuscita a impedire la trasmissione del poliovirus grazie alla vaccinazione, e non solo lei. Quanto alla questione “poliovirus selvaggio inesistente” negli Stati Uniti, indovinate a chi va il merito? Ovviamente ai vaccini. L’unico motivo per cui si continua a vaccinare contro la poliomielite è il rischio di contrarla al di fuori degli Stati Uniti, nei paesi non è stata ancora eradicata del tutto: qualcuno, viaggiando, potrebbe contrarla nei paesi a rischio.

2 – Il tetano non è una malattia contagiosa, ma piuttosto si acquisisce da ferite profonde in tessuti contaminati con spore di Clostridium tetani [obbligatoriamente fin dall’inizio in una situazione rigorosamente anaerobica]. Pertanto, la vaccinazione per il tetano [tramite il vaccino combinato DTaP] non può modificare la sicurezza degli spazi pubblici; la si intende unicamente come protezione personale.

Qui appare evidente la voglia di disinformare attraverso informazioni parziali. È vero, il tetano non è una malattia contagiosa, ma il vaccino contrasta le tossine prodotte dal C. tetani. Il vaccino previene dunque la morte di adulti e bambini contrastando le tossine. Un’immunologa queste cose dovrebbe saperle… o sbaglio?

3 – Anche se lo scopo è di prevenire gli effetti provocati dalla difterite, il vaccino con tossoide antidifterico [anch’esso contenuto nel vaccino DTaP] non è concepito per impedire la colonizzazione e la trasmissione di Clostridium diphtheriae. Pertanto, la vaccinazione contro la difterite non può modificare la sicurezza degli spazi pubblici; è quindi destinata solo protezione personale.

Ancora, mistificazione e disinformazione. Il vaccino antidifterico è costituito da anatossina difterica, ovvero “dalla tossina originaria resa innocua[, ma che] conserva la sua capacità di stimolare la produzione di anticorpi protettivi (analogamente a quanto accade per l’anatossina tetanica)” (fonte). Si segue dunque la stessa logica che nella vaccinazione antitetanica, dove le parti inattive dei germi non causano la malattia, ma hanno il compito di stimolare le difese dell’organismo. La risposta del sistema immunitario ai corpi estranei è il fondamento dell’immunologia. Ripeto: l’immunologa dovrebbe sapere queste cose.

Ma c’è di più: al contrario del tetano, il C. diphteriae crea una condizione di vantaggio per il batterio stesso. In questo caso la vaccinazione previene l’infezione. Di nuovo, un’immunologa dovrebbe sapere queste cose.

4 –Il vaccino acellulare contro la pertosse [aP], contenuto anch’esso nel vaccino combinato DTaP, attualmente in uso negli Stati Uniti, ha sostituito il vaccino intero contro la pertosse alla fine del 1990, cui ha fatto seguito una ripresa senza precedenti della malattia. Un esperimento deliberato con infezione da pertosse nei primati ha rivelato che il vaccino acellulare non è in grado di prevenire la colonizzazione e la trasmissione di Bordetella pertussis. Tutto ciò è dimostrato dal lavoro di Warfel e collaboratori,  Acellular pertussis vaccines protect against disease but fail to prevent infection and transmission in a nonhuman primate model [Proc Natl Acad Sci USA 111:787-92], dove i babbuini vaccinati con aP risultavano protetti dai gravi sintomi pertosse-associati ma non dalla colonizzazione, mentre gli animali infettati precedentemente [che avevano sviluppato un’immunità naturale] non sono stati colonizzati da infezioni secondarie. Inoltre, è interessante notare che la FDA ha emesso un avviso riguardante questa scoperta cruciale.

Qui abbiamo un fortissimo cherry picking, ovvero una cernita di dati apparentemente favorevoli alla causa in questione a discapito di altri. Partiamo dal fondo:

  • Nel link proposto dalla lettera della presunta immunologa, si deduce che la FDA vorrà probabilmente rivedere la calendarizzazione o il vaccinoNormale amministrazione, a dimostrazione della voglia di sicurezza.
  • Sulla questione “vaccino della pertosse”, è vero, il vaccino ha bisogno di essere migliorato, ma come suggeriscono anche gli stessi autori dello studio citato, nella versione corrente il vaccino non causa pertosse; la lunghezza e la gravità dell’infezione sono inferiori da vaccinatiQui una spiegazione dettagliata da parte di SkepticalRaptor (in inglese).

Ma non abbiamo ancora finito.

5 – Tra i numerosi tipi di Haemophilus influenzae, il vaccino Hib copre solo il ceppo b. Nonostante la sua unica intenzione di ridurre lla malattia sintomatica e asintomatica [e il trasporto di Hib], l’introduzione del vaccino contro Hib ha inavvertitamente spostato il ceppo dominante verso altri ceppi di Haemophilus influenzae [da A a F]. Questi ceppi hanno provocato una malattia invasiva di elevata gravità e crescente incidenza negli adulti, nell’era della vaccinazione anti-Hib nei bambini. La popolazione generale è più vulnerabile alla malattia invasiva di quanto non fosse prima dell’inizio della campagna di vaccinazione contro Hib. Discriminare bambini che non sono vaccinati contro Hib non ha alcun senso scientifico nell’era di non malattia da Haemophilus influenzae tipo b.

Il sunto di questo discorso è: “il vaccino non è una soluzione perfetta, dunque è inutile”. Oltre a ricordare che il consenso scientifico parla di benefici che superano di gran lunga i possibili effetti collaterali, negli Stati Uniti l’Hib fu la causa di morte per meningite batterica di bambini al di sotto dei cinque anni, fino a quando il vaccino non fu introdotto. E questa sarebbe un’immunologa che va contro il sistema?

6 – Il virus dell’epatite B si acquisisce solamente per contatto con sangue infetto. Esso non si diffonde in un ambiente comunitario, soprattutto tra i bambini, che sono difficilmente impegnati in comportamenti ad alto rischio, come la condivisione di aghi o atti sessuali. Somministrare la vaccinazione contro l’epatite B ai bambini non modifica in modo significativo la sicurezza negli spazi pubblici. Inoltre, l’ammissione a scuola non è vietata per i bambini che sono portatori cronici del virus dell’epatite B. Pertanto, per proibire l’ammissione scolastica a coloro che non  sono vaccinati – e nemmeno portatori di epatite B – costituirebbe una discriminazione irragionevole e illogica.

Dulcis in fundo, altra disinformazione. Il motivo per cui si vaccinano i bambini in America è perché il 90% di quelli che contraggono l’epatite B arrivano col tempo a soffrirne una condizione cronica. Grazie alla vaccinazione, il tasso d’infezione da epatite B è calato dell’82% dai primi anni ’90. Secondo voi, non è forse un passo avanti?

Ancora una volta, il fronte antivaccinista adopera un vuoto fantoccio come rappresentante. Come scrissi all’epoca per una dietologa esperta in “diete personalizzate” basate sul China Study, non basta un faccino carino e rassicurante: ci vogliono prove tangibili, altrimenti è malafede. E la nostra Tetyana Obukhanych, dietro il linguaggio emotivamente carico e la scusa di “difendere i bambini”, è solo un’altra persona con idee avulse dalla realtà scientifica che, ahimé, ha trovato il modo di raggranellare soldi facili.

Cercando informazioni riguardo l’immunologa Obukhanych, salta fuori questo simpatico sito di cui lei è a capo. Come nel più classico dell’antivaccinismo fraudolento, ancora una volta qualcuno fiuta l’odore dei soldi e propone “lezioni online” su una presunta “immunità naturale”. Lezioni che però hanno un bel disclaimer:

le lezioni e le sessioni di domanda e risposta non hanno l’intento di diagnosticare, trattare o prevenire alcuna delle malattie croniche o acute, né danni da vaccino. Se è necessario un consulto, rivolgetevi a un medico specialista.

Ma come? Una donna che soffre e combatte quotidianamente per la libBbertà da Big Pharma… e che consiglia di andare da un medico?

Restate scettici, restate diffidenti.

Il Ninth
([email protected])

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!