Il Kinder Merendero e il cancro

KINDERMERENDERO

E poi boh, ti capita fra i contatti quello che condivide le bufale e ti sale il debunker. Grazie alle sugose appendici del Mostro Spaghetto Volante, ho scoperto che posso sfogare i miei istinti omicidi su carta, perciò ringraziatemi se nel frattempo non sono stati registrati nuovi incidenti diplomatici.

A ulteriore riprova dell’internazionalità delle bufale, circola in lingua inglese quest’immagine che riguarda il Kinder Merendero, noto anche come Kinder Joy in alcuni paesi del mondo.

Kinder-Joy-Chocolate-Contains-Wax-Coating-Hoax-Cancer

FOOD FOR THOUGHT
Kinder Joy contains a wax coating which is also used in styrofoam containers. That is why Kinder Joy don’t stick to each other when eating it. Our body needs up to two days to clean the wax. Make sure you stop eating Kinder Joy. This wax can cause CANCER. Share if you care.

Secondo chi ha compilato questo meme, il Kinder Merendero sarebbe ricoperto da uno strato ceroso pressoché identico a quello usato nei materiali impermeabili (!). La cera adoperata è così difficile da smaltire, che il nostro corpo impiega ben due giorni per digerirla. Ad aggiungere sale alla ferita, tra le Brutte Cose (cit.) che ti potrebbero capitare c’è il CANCRO. Non *un* cancro qualsiasi, ma il CANCRO. Quello che riconosci perché ha i caratteri cubitali ed è per questo che incute molto timore.

Toni scherzosi a parte, vediamo di fare un po’ di chiarezza sulla situazione.

Partiamo da questa famigerata “cera”. Come giustamente riportano alcuni siti anti-bufala stranieri come hoax-slayer.com hoaxorfact.com, molti dolciumi al cioccolato contengono un tipo di cera detta paraffina. Questa è di tipo alimentare ed è edibile; si tratta di una miscela di idrocarburi alifatici inerti chimicamente, incolori e insapori, che hanno la funzione di proteggere l’alimento dall’ossigeno dell’aria. Sono di consistenza grassa ma non forniscono calorie.
La paraffina alimentare è usata nei prodotti dolciari contenente cioccolato: la sua funzione è quella di creare un effetto “patina lucida” e per mantenere il composto solido a temperatura ambiente. Non è chiaro se il Kinder Merendero adoperi la paraffina, anche perché non è nella lista degli ingredienti; nonostante l’assenza, possiamo comunque tirare un sospiro di sollievo. In questo caso, la paraffina adoperata è di tipo alimentare e non causa alcun problema al corpo umano: essa è un materiale inerte, viene digerita senza intoppi e non produce calorie.

Sull’uso della paraffina nei materiali impermeabili come il polistirene espanso (styrofoam), questo è parzialmente infondato. Non so se avete presente i bicchieri di carta – a me piacciono quelli di Starbucks. In alcuni casi, quando il prodotto finito non è esattamente secondo standard, si spruzza un sottilissimo strato di paraffina industriale – attenzione alla differenza – sia all’interno che all’esterno del bicchierino in fase di finissaggio. Ovviamente, data la natura tossica della paraffina industriale, c’è il rischio che essa si stacchi al contatto con liquidi caldi; per questo è necessario che la ditta produttrice di questi bicchierini segua alcuni accorgimenti. In generale non c’è alcun motivo per cui il polistirene espanso debba essere cosparso di paraffina, in particolare della stessa presumibilmente contenuta nel Kinder Merendero. È vero che su Internet è possibile trovare storie di gente che inghiotte gomme Staedtler come fossero mentine, o fenomeni che vi invitano a tagliare lastre di pietra pur consigliandovi il contrario, ma sfido io a mangiare un panino al polistirolo!

(Non fatelo. Sul serio, non fatelo. Ti rimangono i pallini tra i denti e passi una settimana a tossire neve per le piste di Cortina D’Ampezzo. E manco ti pagano. Stronzi).

Quanto alla correlazione fra uso della “cera” e insorgenza del cancro, possiamo dire con fermezza che si tratta di una colossale minchiata messa lì per attirare l’attenzione, allo scopo di scattare la condivisione compulsiva. Parlo soprattutto alle mamme che ci leggono: non esistono studi scientifici che ne dimostrino l’insorgenza, né sono saltate fuori “morti sospette” per aver ingerito la paraffina contenuta nei prodotti dolciari. È invece da tenere a mente un dato importante: alcuni soggetti potrebbero essere allergici alla paraffina, mentre ingerirne un grande quantitativo può portare all’ostruzione intestinale e può causare vomito, nausea, dolori addominali e costipazione. Ancora una volta vige la regola di Paracelso: è la dose a fare il veleno. Ovvio che se vostro figlio mangiasse un quintale di Kinder Merendero ogni giorno, si sentirebbe male. A dirla tutta ve ne fregherebbe poco, perché per assurdo le vostre famiglie sarebbero ricche sfondate al punto da fregiarsi di un pancreas artificiale, necessario per navigare nel lago artificiale di Nutella in mezzo alla scioglivolente vallata ai piedi dei monti Lindt, perennemente innevati di Galak e fragole, che avete costruito come “giardino di casa”.

In sintesi, no: mangiare Kinder Merendero non causa il cancro, ma come al solito questo non vuol dire che potrete mangiarne a volontà a partire da adesso. Come qualsiasi prodotto dolciario, sappiate moderarvi e seguite un regime alimentare sano che preveda un sacco di moto.

In alternativa, invitatemi a casa vostra.

Il Ninth